Indietro

CASA ARTUSI: LA CULTURA DELLA CUCINA DOMESTICA ITALIANA

Destinazioni - Share

Cooking Class

In una dimora storica, ex convento della Chiesa dei Servi a due passi dalla rocca di Forlimpopoli, c’è Casa Artusi: più che ristorante, un centro di cultura gastronomica dedicato alla cucina italiana. Legato alla figura di Pellegrino Artusi, nato proprio a Forlimpopoli nel 1820 e autore del primo ricettario gastronomico dell’Italia Unita, è uno spazio polivalente, con un museo, una biblioteca, una bottega, una scuola di cucina, e uno spazio in cui si discute di cibo.

Le ottime materie prime, fornite da produttori locali e d’eccellenza, la ricerca delle “chicche” gastronomiche, il rispetto della stagionalità dei prodotti e la loro sostenibilità ambientale sono alla base delle ricette offerte dal ristorante, che può ospitare dalle 90 alle 120 persone, e che offre altissima qualità a prezzi abbordabili. 

Tra le specialità da provare i tortelli e i cappelletti, i funghi fritti, le carni cucinate con le ricette rivisitate della tradizione, il pesce del giorno rigorosamente pescato nel Mediterraneo.

Date le limitazioni imposte dal Covid, Casa Artusi oggi offre anche un servizio di asporto e consegna a domicilio. Per chi vuole, c’è una "merenda" dalle 16 alle 18, con "finger food" (polpette fritte, tortelli alla lastra, sandwich, salumi e formaggi), accompagnati da una bevanda (vino, birra o spritz) e per chiudere dolcetti. 

Casa Artusi ospita, come anticipato, anche la biblioteca, dove sono conservati i documenti, il carteggio e i libri di Artusi, e la scuola di cucina, dove (quando si potrà) si organizzano corsi e lezioni per appassionati e cuochi.
Il centro appartiene alla rete nazionale delle Case della Memoria e a quella dei Musei del Gusto della regione Emilia-Romagna

 

  • Forlì
  • Enogastronomia
  • Rurale